Ada, torte e delitti

Dalle torte, passiamo ai delitti, alle indagini, ai gialli. In questo genere letterario, che affronta la complessità della vita e le contraddizioni umane a partire dalla morte, il cibo ha spesso un ruolo da protagonista. Il cibo come elemento vitale, forte e fugace insieme.
Senza andare troppo oltre, perché l’elenco risulterebbe infinito, pensiamo ai classici (i gialli di Agatha Christie, Georges Simenon, Rex Stout) e ai classici contemporanei (scritti da Andrea Camilleri, Jean Claude Izzo, Manuel Vázquez Montalbán).
Nella serie “Ada, torte e delitti”, pubblicata da Forme Libere Edizioni, le torte giocano un ruolo fondamentale. La loro comparsa segna passaggi importanti della narrazione: cambiamenti di prospettive, accelerazioni degli eventi, pause che permettono di ricostruire fatti e motivazioni. Le torte sostengono e guidano Ada nelle sue indagini, oltre a stimolare la golosità dei lettori.

MORTE DI CIOCCOLATO 

di Michela Gecele

EDIZIONI FORME LIBERE

Morte di Cioccolato

Questa volta Ada Hartmann sembra essere lontana da delitti e misteri. Il romanzo inizia in rosa, con un incontro in alta quota, sulla rotta Londra-Berlino. Un rosa che si tinge subito dei colori del cacao. Ada, e i lettori, entrano con leggerezza nei mondi del cioccolato. I luoghi di produzione, le fasi di lavorazione, l’arte e le declinazioni del gusto. Sembra un viaggio di puro piacere. Un viaggio che sfiora il Venezuela e che tocca, naturalmente, anche Catania.Poi, improvvisamente, come spesso capita in un romanzo giallo, lo scenario cambia e Ada si trova, ancora una volta, a indagare. Il cacao, non più piacere quasi immateriale, precipita, diventando merce preziosa. Merce circondata da intrecci economici e finanziari. E il rosa dei rapporti umani si incupisce. Si corrode.

I FIUMI SOTTO LA CITTÀ  

di Michela Gecele

EDIZIONI FORME LIBERE

I fiumi sotto la cittàMaggio 2010 – C’è qualcosa che lega la scomparsa di Rose da Berlino con l’omicidio di Umberto nell’antico quartiere catanese di San Berillo? Se lo chiede Ada Hartmann, insospettita da alcune strane coincidenze che ruotano attorno alla sua amica archeologa Rose. E allora il vecchio palazzo nobiliare dove vive Ada, scena del delitto dentro le viscere della Catania storica, potrebbe forse rivelarsi il tassello di un disegno più ampio, che cancella i confini geografici? La casa nasconde un mistero? O è qualcuno dei suoi abitanti a essere coinvolto?

LA SPIAGGIA DEI RICORDI MORTI

di Michela Gecele 

EDIZIONI FORME LIBERE

Settembre La spiaggia dei ricordi morti2010. Ada Hartmann cammina sulla Plaja di Catania. Mare, sole, vista sull’Etna e sulla città, ma oggi con un “ingrediente” in più: un morto, proprio sulla spiaggia. Da qui ha inizio la seconda avventura di Ada. La sociologa berlinese residente a Catania, dopo la prima avventura in “I fiumi sotto la città”, diventa ormai un’investigatrice a tutti gli effetti, pur se dilettante e per caso. Naturalmente, insieme ai delitti, anche in questo romanzo tornano le sue torte. Tante e golose. Lo scenario principale dell’indagine sarà quello della Catania e dell’Italia degli anni Sessanta, con i suoi miti di progresso e crescita e i suoi scheletri non troppo nascosti. La città etnea è di nuovo protagonista. Intatte, emergono emozioni e voci del passato. Fatti. Personaggi vivi e morti. Tutti ugualmente presenti e vividi, anche quando compaiono solo nel ricordo. Tornano attuali gli eventi politici, le trasformazioni urbanistiche ed edilizie, la moda, i film di allora. Passato e presente si sovrappongono in un crescendo di pathos con il coinvolgimento di tutti i protagonisti del romanzo. E anche di chi, lettore, si lascerà turbare da vicende umane senza tempo.

Visita la casa editrice Forme Libere

Visualizza una notizia realmente accaduta (tratta da Repubblica.it) e confrontala con le pagine di I fiumi sotto la città

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...