Under Construction. La storia di un’attrice. Trent’anni di vita, sul palcoscenico e nella vita privata. Sullo sfondo delle problematiche politiche e sociali del Bangladesh. Norme e valori di una società. Sforzi per definirsi, costruirsi, inventarsi. Nonostante tutto.
Una storia di corpi, femminile e maschile. E di come i corpi siano anche un prodotto culturale.
Proponiamo questo film perché è interessante, perché arriva dal Bangladesh (un paese dalla filmografia non notissima), perché è diretto da una donna e parla di una donna.
E abbiniamo al film, no, non ancora una torta, abbiniamo prima un libro. Un testo di psicoterapia che non è un testo di psicoterapia. Un insieme di interviste a donne, donne terapeute, donne terapeute della Gestalt. È un libro che apre molti sguardi, una storia della Gestalt, e della psicoterapia, che invece di essere parziale si moltiplica, dandoci sguardi e strumenti per leggere la storia degli ultimi decenni, ricordandoci quanto le storie personali formino la Storia, quanto aprano emozioni e chiavi interpretative. Ci imbattiamo in esperienze così personali da diventare interessanti per tutti. Interviste che hanno il fascino della letteratura.
Come i personaggi dei romanzi acquisiscono vita reale, qua persone reali diventano personaggi, rendendosi così ancora più vive e corporee.
Ora parliamo della torta. Una strana crostata, fatta di due parti diverse. Una sorta di gioco matematico, perché metà diventa invece moltiplicazione di gusti. Una moltiplicazione di possibilità, come quando parliamo delle donne (e degli uomini).

Under Construction

Women in Gestalt Therapy. Autobiographical Reflections and Future Prospects in Contemporary Interviews. Edited by Adriena Feckova and Beatrix Wimmer. In cooperation with Jay Levin

Crostata due metà
Ingredienti:
Per la pasta frolla 
200 g di farina 00
100 g di zucchero
90 g di burro a temperatura ambiente
Un uovo e un tuorlo
1/2 bustina di lievito
Per la prima farcia
250 ml di latte
2 tuorli
20 g di farina bianca
45 g di zucchero
10 g di cedro candito
65 g di pistacchi
20 g di cioccolato fondente
1 cucchiaino di Marsala secco
Per la seconda farcia
150 g di carote
50 g di mandorle sgusciate e pelate
30 g di zucchero
30 g di arancia candita tritata
1 uovo
1/2 cucchiaio di fecola di patate
1/2 cucchiaio di olio extravergine d’oliva
Procedimento
Impastare farina, lievito, zucchero, burro e uova, fino ad ottenere un impasto elastico. Disporre l’impasto in una teglia di 24 cm di diametro, già predisposta.
(Prima metà) Scottare i pistacchi in una pentola con acqua in ebollizione, scolarli, pelarli e tritarli finemente. Portare il latte ad ebollizione. In una pentola, montare i tuorli con lo zucchero. Quando saranno diventati spumosi, aggiungere pistacchi (50 grammi) e farina, poco per volta. Versare il latte a filo, mescolando con un cucchiaio di legno. Mettere sul fuoco, portare a ebollizione e mescolare continuamente. Coprire e continuare la cottura a fiamma bassa per 7-8 minuti, mescolando di tanto in tanto. Lasciare raffreddare la crema, aggiungere il marsala, il cedro candito tritato e amalgamare il tutto.
(Seconda metà) Lavare, pelare e tagliare le carote a julienne. Fare bollire dell’acqua in una pentola, mettervi le carote e cuocere per 8 minuti. Scolare le carote e metterle in una terrina insieme a mandorle, fecola, zucchero, arancia candita, olio. Aggiungere anche l’uovo, precedentemente sbattuto, e mescolare bene il tutto.
Versare la prima crema su metà della frolla e la seconda sull’altra metà (se si mescolano un po’, pazienza). Cuocere in forno statico preriscaldato a 180° C per 30 minuti. Sfornare la crostata e lasciarla raffreddare. Metterla in un piatto da portata e decorare la metà con la crema di pistacchio con il cioccolato sciolto a bagnomaria e con i rimanenti pistacchi tritati.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.

2 risposte a

  1. Rosa ha detto:

    Grazie Michela per il suggerimento del film e del libro. Il testo è solo in inglese?

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...